<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=1221369&amp;fmt=gif">

La lettera di presentazione è davvero da dimenticare?

come sostituire la lettera di presentazione
Nel corso degli anni il processo di selezione ha subito molti cambiamenti, modernizzandosi in base alle tecnologie e alla mentalità. In particolare, la lettera di presentazione è cambiata molto e sembra stia lentamente svanendo. Ma dobbiamo davvero scordarci di questo strumento?

Il passaggio dalla lettera cartacea alla lettera digitale

Fino a circa 20 anni fa, i candidati inviavano le loro candidature per posta.  Un tempo, la lettera di presentazione veniva scritta a macchina

 

 

Il candidato le riscriveva tante volte quante erano le lettere di presentazione da inviare, adattando il contenuto a seconda della posizione e dell'azienda a cui mirava. Ogni candidatura richiedeva quindi un impiego di tempo considerevole e la lettera permetteva al recruiter di percepire lo sforzo del candidato.

In seguito, con l'avvento del computer, è diventato molto più facile scrivere la lettera di presentazione. I candidati hanno iniziato a scrivere le loro lettere su strumenti di elaborazione testi per PC, prima di stamparle. Questo è stato un primo passo verso la semplicità, poiché la stessa lettera poteva essere leggermente modificata per essere stampata in più copie e inviata a diverse aziende.

 

 

Infine, l’arrivo di  Internet ha rivoluzionato completamente il processo di selezione.

Gradualmente è diventato molto più facile candidarsi per un gran numero di lavori, in un tempo minimo. Le candidature non vengono più inviate per posta cartacea. I candidati si candidano via e-mail, sui forum di lavoro o sui career site. Questo richiede uno sforzo decisamente inferiore da parte dei candidati.

 

 

 

Cosa è cambiato nel comportamento dei candidati?

Prima dell'avvento di internet, un candidato si concentrava esclusivamente sui lavori che aveva più probabilità di ottenere.  Con l'uso diffuso di internet, il candidato può diffondere massicciamente il suo CV.

 

La lettera di presentazione sta lentamente cadendo nell'oblio

Durante il passaggio dalla carta al digitale, è rimasto invariato il classico formato del CV e della lettera di presentazione. Entrambi venivano inviati come allegati. Ma ultimamente, la lettera di presentazione è stata gradualmente sostituita da un brevissimo testo di accompagnamento alla mail di candidatura o da un campo di testo che completa la candidatura sul career site.

I recruiter non si basano più solo sulla candidatura ricevuta per prequalificare i profili. Ora hanno altre fonti d'informazione: in particolare, consultano i social network di un candidato per scoprire la sua personalità, la sua esperienza o le sue competenze.

 

A questo punto sorge spontanea una domanda:  qual è il valore aggiunto della lettera di presentazione per come la conosciamo? 

Come valutare la motivazione di un candidato?

La lettera di presentazione aiuta a valutare la motivazione di un candidato. Essa permette di descrivere a parole un progetto professionale, un'ambizione, ecc.

Ma è sempre più raro trovare in una lettera di presentazione elementi che dimostrino il desiderio del candidato di lavorare in un'azienda.

Le lettere di presentazione di oggi sono diventate così generiche che non forniscono quasi nessuna informazione su un candidato, tranne forse sulla sua padronanza della lingua italiana!

La colpa è delle tecnologie, che sono ormai così potenti da consentire di candidarsi con un solo clic rendendo così lo sforzo minimo? A volte le candidature quasi istantanee offerte dalle app mobili sono così rapide che non richiedono neanche più il CV!

Questo non succede per tutte le posizioni. Alcune aziende richiedono il coinvolgimento dei candidati fin dalla prima fase della selezione. Altri preferiscono mettere da parte la motivazione come criterio di selezione, specialmente se c'è una mancanza di candidati per una posizione. 

Con la tecnologia digitale, la motivazione non viene più testata allo stesso modo.

La "prova" della motivazione non è più evidente. Quindi come possiamo valutare la motivazione del candidato?

Forse dovremmo passare a un altro formato più innovativo?

La diffusione del video motivazionale

Il formato tradizionale della lettera di presentazione con carta intestata è certamente superato. Ma è comunque essenziale avere uno strumento per valutare il desiderio del candidato di lavorare in azienda.

Nell'era digitale, il video potrebbe essere il mezzo giusto? Una lettera di presentazione 2.0!

Una video-presentazione semplice e concisa permette al candidato di mostrare la sua motivazione e le sue ambizioni, in modo diretto e personale.

In questo modo, il recruiter può capire facilmente se un profilo è adatto all'azienda. Questo è ciò che CleverConnect offre con il suo innovativo strumento di video colloqui.

 

Sarebbe un vero peccato dimenticare completamente la lettera di presentazione. Il suo formato è antiquato e inadatto alle modalità di candidatura odierne. Ma il suo concetto e il suo scopo rimangono essenziali per trovare candidati motivati e compatibili con la tua azienda.

Il video motivazionale è particolarmente adatto ai giovani profili che hanno poca esperienza professionale ma una notevole ambizione e tanta voglia di imparare. 

Sei pronto a incoraggiare i tuoi candidati a esprimersi più liberamente tramite video?