<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=1221369&amp;fmt=gif">

Assunzioni in tempo di crisi: perché la mobilità interna diventa una questione strategica per la tua azienda

Assunzioni in tempo di crisi: la mobilità interna diventa una questione strategica
I tempi incerti che stiamo vivendo suggeriscono che alcuni progetti di assunzione potrebbero essere rinviati al 2021 o messi in pausa per qualche tempo per ragioni economiche.
Eppure questa ricerca rispondeva a reali esigenze dell’azienda ed era importante per il suo sviluppo. Come risolvere allora questa situazione apparentemente in contraddizione?



 

Le aziende italiane hanno dato prova della loro flessibilità riuscendo a organizzare in poco tempo il lavoro da remoto per i propri collaboratori. Nelle prossime settimane questa flessibilità sarà nuovamente necessaria, in particolare nella gestione delle risorse umane. Finché la pandemia legata alla diffusione del Covid-19 persisterà, le aziende dovranno fare meglio, con meno risorse.

In questo contesto, la mobilità interna è la strada giusta da percorrere per rispondere rapidamente a queste esigenze di personale.

Cos'è la mobilità interna?

La mobilità interna consente ai dipendenti di cambiare posizione all'interno dell'azienda in base alle opportunità, e alle aziende di accedere a un vivaio di talenti già disponibili e operativi.

La mobilità può declinarsi in diversi modi, tra cui la creazione di nuove posizioni da occupare internamente, promozioni, progetti aggiuntivi offerti a un dipendente (con un ampliamento dei task assegnati), scambio di mansioni tra collaboratori, o - più letteralmente - mobilità geografica.

I numerosi vantaggi della mobilità interna

Assunzioni senza rischi per l'azienda

In base a uno studio, le aziende che decidono di assumere internamente sono generalmente più soddisfatte del 32% della loro scelta rispetto a quelle che decidono di ricorrere a un candidato esterno.

Questo tipo di assunzioni comporta nettamente meno “rischi”:

  • Per potersi integrare nell’organizzazione, ogni dipendente ha dovuto dimostrare il proprio know-how e la propria motivazione in ogni fase del processo di assunzione. Nella maggior parte dei casi, una volta assunto l’incarico, le sue qualità e la sua professionalità sono state confermate.

  • Per quanto concerne il personale più "senior", gli anni di esperienza acquisiti hanno permesso loro di sviluppare una visione a 360° della professione, e la formazione supplementare che hanno ricevuto nel corso degli anni ha fornito loro nuovi strumenti che gli permettono di essere ancora più produttivi.

Dal punto di vista finanziario optando per la mobilità interna si riducono i costi generati dal turnover.

Ridurre il turnover significa ridurre tutti i costi associati alle assunzioni esterne (sourcing, headhunter, ecc.), e una copertura più rapida di una posizione (è stato infatti calcolato che occorrono circa due anni affinché un nuovo dipendente raggiunga il livello di performance di un dipendente assunto internamente).

 

Dipendenti: reinventarsi senza dover cambiare tutto

I dipendenti si aspettano che l’azienda offra loro un programma di mobilità interna che gli consenta di arricchirsi professionalmente e di ampliare il loro campo di competenze e le loro responsabilità. Sono unanimemente a favore di politiche che favoriscano lo sviluppo della carriera. Il 94% dei dipendenti intervistati nell'ambito dell'indagine condotta da LinkedIn sullo stato occupazionale nel 2018 ha affermato di essere pronto a rimanere più a lungo in un'azienda che punta sul suo futuro!

I dipendenti possono innanzitutto rinnovare il loro impegno e la loro motivazione cambiando mansione in un’azienda che apprezzano e in cui vogliono crescere.

Per alcuni si tratta di raggiungere nuovi obiettivi professionali e di mettersi alla prova cambiando compito o reparto.

 

Culture fit, disponibilità, soft skills, competenze tecniche: i tuoi dipendenti sono ovviamente i migliori talenti per soddisfare le tue esigenze di assunzione. Allora perché non rivolgerti a loro piuttosto che cercare candidati esterni?

Competenze spesso non rilevate

La sfida per i professionisti delle risorse umane è quella di avere la migliore mappa dei talenti disponibili internamente in un dato momento.

 

difficile pour les entreprise d'avoir une vision claire des compétences internes
È difficile per le aziende avere una visione chiara delle competenze interne

Ogni dipendente è stato assunto per una posizione specifica. Se certe necessità e le sue propensioni personali lo hanno portato nel tempo verso altri incarichi, ciò è avvenuto spesso in maniera informale o organica.

La descrizione delle sue mansioni non è stata necessariamente aggiornata dopo ogni modifica importante.

A sua volta, il dipendente che ha cambiato mansione potrebbe non aver aggiornato il CV da molto tempo.

Com’è possibile allora identificare efficacemente i punti di forza dei talenti presenti nella tua azienda senza troppo sforzo da parte di dipendenti e manager?

 

L’assunzione gentile

Un dipendente che si candida per una posizione interna non dovrebbe essere trattato come qualsiasi altro candidato. Chiedere di aggiornare il proprio CV e di passare attraverso i consueti canali offerti ai candidati esterni può risultare spiacevole per alcune persone, che potrebbero sentire messa in discussione la propria professionalità.

I tuoi dipendenti hanno bisogno di flessibilità e di essere trattati con una certa confidenza durante l'intero processo. La valutazione delle loro competenze e delle loro soft skills deve essere effettuata con la massima gentilezza.

 

Un percorso adattato e alleggerito

L’assunzione interna richiede lo sviluppo di specifiche fasi di selezione.

In primo luogo, intervistando i manager del dipendente si possono ottenere molte informazioni sulle competenze acquisite (hard skills). Il passo successivo è quello di valutare le soft skills.

Condurre il colloquio tramite un video on demand è più informale e flessibile rispetto ai colloqui faccia a faccia ed è lo strumento più efficace per identificare rapidamente le soft skills.

Puoi proporre ai tuoi collaboratori interessati a una posizione interna di rispondere a loro piacimento ad alcune domande registrando un video in autonomia. Il formato video on demand permette di raccogliere tutte le informazioni di cui un recruiter ha bisogno. È un processo rapido da completare ed è considerato innovativo dai collaboratori - e quindi meno "insidioso" di un colloquio tradizionale.

In pochi minuti potrai valutare le capacità relazionali dei tuoi collaboratori, le loro motivazioni e la maturità del loro progetto professionale!

 

Concentrarsi sulla mobilità interna è un investimento per il futuro della tua azienda: i tuoi dipendenti prolungheranno il loro impegno con te e tu potrai superare questo difficile periodo riducendo drasticamente i costi di assunzione.

Parliamo del tuo progetto di selezione?