<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=1221369&amp;fmt=gif">

Cos’è successo nel settore del Recruiting a un anno dall’inizio della pandemia.

come è cambiato il recruiting dopo il covid

Il punto di vista di Marko Vujasinovic, Presidente di CleverConnect

La crisi sanitaria ha portato sin dallo scorso marzo a un drastico calo delle assunzioni. Le previsioni per quest’anno sono ancora timide e incerte: a febbraio 2021, in Italia, i livelli di occupazione sono rimasti stabili rispetto a gennaio, anche se la ripresa non ha ancora avuto una spinta decisa e, con il blocco dei licenziamenti ancora attivo, è difficile fare ulteriori previsioni.

Senza gioire prematuramente per una situazione che potrebbe evolversi ulteriormente a seconda delle dinamiche economiche dei prossimi mesi, i dati mostrano che anche in Italia c’è un fabbisogno significativo e strutturale di manodopera nella maggior parte dei settori. L’Ocse, a seguito dell’insediamento del Governo Draghi, ha stimato una crescita del Pil del 4% per quest’anno e il 2022. 

A fronte di queste previsioni  dobbiamo aspettarci forti pressioni sui processi di selezione nei prossimi mesi e molte aziende potrebbero avere grandi difficoltà nel coprire le posizioni lavorative attualmente vacanti. Anche perché molti dipendenti, soprattutto i manager, non vogliono cambiare lavoro a causa delle incertezze del periodo e del fatto che la fase di "onboarding" rischia di essere in smart working.

Marko Vujasinovic, Presidente di CleverConnect, ha fatto una riflessione sul tema

 

Il processo di selezione dopo la pandemia

In generale, il processo di selezione diventerà sempre più importante per lo sviluppo delle aziende da qui al 2030. In Europa, ci stiamo muovendo gradualmente verso un’occupazione generalizzata e si registra già un'enorme carenza di talenti e di manodopera.

È essenziale, quindi, che le aziende investano maggiormente nei loro processi di selezione e che adeguino fin da subito gli strumenti e i processi di assunzione alla nuova situazione del mercato del lavoro. Nei prossimi tre anni, in particolar modo nelle grandi aziende e PMI, vi sarà una grande trasformazione digitale e tecnologica, iniziata gioco forza proprio nel 2020. Le aziende che non avranno colto l'occasione di questa trasformazione saranno le grandi perdenti sul piano della performance economica.

Infatti, la crisi sanitaria ha avuto un ruolo fondamentale nel rinnovamento dei processi di selezione che, negli ultimi 20 anni, aveva vissuto pochi cambiamenti. Le norme sanitarie e i vari lockdown hanno imposto le distanze e hanno accelerato notevolmente l’utilizzo di alcuni strumenti tecnologici come il video colloquio on demand o il colloquio in streaming (Skype, Zoom), mentre in precedenza i colloqui venivano svolti prevalentemente dal vivo. Negli Stati Uniti dall'inizio del Covid circa il 50% delle assunzioni è stato effettuato senza un incontro fisico tra il candidato e il suo futuro datore di lavoro.

 

L’accelerazione della trasformazione digitale

La trasformazione digitale del processo di selezione andrà molto oltre. Dobbiamo mettere il candidato al centro del nostro lavoro, in primo luogo dovremo puntare ad attirarlo e a capirlo meglio. Uno degli strumenti che cambierà completamente è la pagina Lavora con noi. Oggi, il 95% dei visitatori dei siti carriera li abbandona senza nemmeno candidarsi. La pagina Lavora con noi deve andare oltre i tecnicismi che la caratterizzano e deve integrare più contenuti multimediali, percorsi differenziati a seconda della posizione, approcci adeguati alle diverse tipologie di visitatori (ricerca attiva, in standby, su mobile, con o senza CV), proprio come farebbe un e-commerce.

Infine, l'intero processo di selezione deve abbandonare la sua struttura rigida, in cui tutti i candidati devono seguire lo stesso processo, per poter essere personalizzato in base alle posizioni, all’esperienza dei candidati e in base agli  elementi da approfondire come le soft o hard skill. È quindi ora di armare il processo di selezione con tutti gli strumenti necessari per ottenere una migliore performance, supportando di conseguenza quella di aziende intere!

Nouveau call-to-action