<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=1221369&amp;fmt=gif">

Assessment center : 8 motivi per integrarlo nella tua strategia HR

L’assessment center (o "centro di valutazione") è un metodo di valutazione utilizzato per misurare a fondo le competenze dei candidati durante un processo di selezione o per determinare il potenziale del capitale umano interno.

Ecco 8 buoni motivi per integrare l’assessment center nella tua strategia aziendale.

1. Valuta per migliorare le tue selezioni

Durante il processo di selezione, può essere difficile scegliere fare la scelta giusta tra due profili qualificati con pari competenze.

L’assessment center consente quindi di differenziare oggettivamente i candidati concentrandosi sulle capacità comportamentali e interpersonali. In altre parole, è un metodo affidabile per valutare i candidati in base al loro potenziale, non alla loro esperienza.

"Si adatterà all’ambiente di lavoro? Familiarizzerà con la cultura aziendale? Sarà in grado di gestire le sue emozioni sotto stress?".

Le risposte a queste domande non si trovano su un CV e a volte perfino il colloquio non è sufficiente per identificare i tratti della personalità. L’assessment center fornisce quindi un'analisi completa del profilo del candidato eliminando i bias cognitivi associati al processo di selezione. In questo modo, il recruiter potrà essere più sicuro durante il suo processo decisionale.

2 - Limita i costi delle selezioni sbagliate

Il processo di selezione può essere considerato un fallimento quando un collaboratore lascia la sua posizione tra i 12 e i 18 mesi dopo essere stato assunto.

In effetti, questo significa che il recruiter potrebbe aver giudicato male il candidato e questa cattiva scelta ha delle conseguenze per l'azienda.

Tra la retribuzione dei dipendenti, il tempo speso per la selezione e la formazione, l’onboarding , l'investimento nel team ... il conto può essere molto alto! Integrare l'assessment center nel processo di selezione consente di garantire l'affidabilità della valutazione, grazie ai test o ai giochi di ruolo, e di ridurre al minimo gli errori. Soprattutto quando si tratta di posizioni di alta responsabilità.

3 - Promuovere la diversità e le pari opportunità

Diversi dati lo dimostrano: la diversità dei profili all’interno dell’azienda è una leva per la performance e per la competitività.

Indipendentemente dal titolo di studio , dal background professionale o dal quoziente intellettivo dei collaboratori, la diversità è fonte di efficienza collettiva, motivazione e innovazione.

Le aziende hanno tutto l'interesse ad abbandonare i tradizionali processi di selezione e a promuovere le pari opportunità. In questo modo, durante un assessment center, i candidati possono esprimere al meglio il proprio saper fare e saper essere e le proprie capacità relazionali, attraverso delle simulazioni di situazioni professionali.

Oggi le soft skill sono sempre più importanti: si ricercano anche il pensiero critico, la flessibilità, la creatività, l'empatia o la simpatia, questo apre le porte a profili più diversi o addirittura atipici.

4. Rivela i talenti all'interno dell'azienda

L'assessment center  può essere un vero e proprio rivelatore di talenti! Grazie ad esso, le aziende possono effettuare una valutazione completa delle competenze interne. Questa gestione dei talenti non è limitata solo a profili ad alto potenziale che vorrebbero trasferirsi in altre posizioni.

Ad esempio, un dipendente curioso e autodidatta ma discreto, che chiede solo di imparare e crescere, potrà beneficiare a pieno di questo metodo di valutazione che metterà in risalto le sue qualità.

5. Identifica le esigenze formative per lo sviluppo delle competenze

La formazione dei dipendenti è un modo efficace per garantire lo sviluppo di un'azienda, aumentare la produttività, accrescere le prestazioni o persino sviluppare competenze trasversali dei dipendenti.

Grazie a l’assessment è possibile sviluppare un piano formativo basato sull'identificazione delle competenze da sviluppare. I dipendenti si sentono molto più coinvolti nella strategia della propria azienda grazie alla formazione mirata, al coaching o tutoraggio.

6. Incoraggia la mobilità interna e migliora il capitale umano

Un'azienda in rapida crescita a volte incontra difficoltà nel selezionare rapidamente un candidato. Il motivo: un mercato ristretto e una carenza di talenti. Perché non concentrarsi sulla mobilità interna

Il profilo ideale potrebbe essere più vicino del previsto.

L’assessment permette ai team HR di conoscere nel dettaglio le potenzialità dei propri talenti interni e di proporre degli avanzamenti  lavorativi ai più motivati. Allo stesso modo, un rallentamento economico può rivelarsi una grande opportunità per l'azienda, che deve adeguare la propria organizzazione interna. La mobilità diventa un trampolino di lancio per alcuni profili il cui potenziale è stato valutato durante i test dell’assessment center.

7 - Identifica le capacità manageriali dei collaboratori

Ogni azienda che vuole proiettarsi in una strategia di crescita deve seguire una politica di gestione preventiva delle posizioni lavorative e delle competenze, al fine di anticipare, identificare e pianificare lo sviluppo e la gestione dei talenti.

Tra le domande da porre troviamo: “Abbiamo a bordo i talenti e le competenze necessarie per affrontare le sfide che arriveranno?”  “Tra i dipendenti più promettenti, quali hanno il potenziale per svilupparsi in posizioni strategiche e manageriali?".

Pertanto, il ricorso a test di personalità o simulazioni è molto utile per valutare la leadership, la determinazione, l'adattabilità e le performance di un collaboratore.

8. Sviluppa il tuo Employer Branding e riduci il turn over

Un'azienda che ascolta i propri dipendenti e offre prospettive di sviluppo professionale trasmette ovviamente un'immagine positiva. Evidenziare le potenzialità dei dipendenti, svilupparne le competenze e coinvolgerli nelle dinamiche aziendali, aiuta a valorizzare l'employer branding.

Un collaboratore felice è un collaboratore più impegnato, leale e produttivo. Perché dovrebbe lasciare l'azienda? Al contrario, diventerà il miglior brand ambassador.

Nouveau call-to-action