<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://px.ads.linkedin.com/collect/?pid=1029321&amp;fmt=gif">

¿Estás perdiendo candidatos con un formulario de solicitud de empleo excesivamente largo?

¿Buscas atraer más candidatos? ¿Has analizado tu formulario de solicitud de empleo? Varios estudios apuntan a que éste tiene una influencia directa sobre el número de solicitudes/candidaturas recibidas: cuanto más largo sea el proceso, menos probabilidades hay de que los candidatos lleguen hasta el final.

Un proceso de reclutamiento con formulario de solicitud de empleo optimizado, es decir, que lleve 5 minutos o menos, puede aumentar el flujo del reclutamiento en un 365%.

 

Descubre 8 errores a evitar para optimizar la experiencia del candidato y maximizar la conversión

 

LA RAPIDA CORSA ALLO SMART WORKING

Correva l’anno 2020. Dalla Cina si diffonde un virus sconosciuto, il CoVid-19. La prima nazione per numero di contagi diventa in breve tempo l’Italia. Il paese è impreparato sotto molti punti di vista e oltre l’emergenza sanitaria a destare preoccupazione è inevitabilmente il risvolto economico. Con la minaccia di una nuova recessione e la crisi di settori strategici, dal turismo alla ristorazione, dal Made in Italy agli eventi, è necessaria una rapida rivoluzione nei processi lavorativi fino ad allora rimasta in pectore. 

Il dibattito sul lavoro agile, infatti, è sul tavolo della politica e dell’economia da anni, ma i risultati poco incisivi e la mentalità diffidente delle piccole realtà aziendali ne rendono faticosa la diffusione. Non meno grave, una digitalizzazione delle imprese zoppicante, tanto nel pubblico quanto nel privato. I dati dell’Osservatorio della School of Management del Politecnico di Milano nel 2019 registrano appena 570 mila lavoratori agili, seppur in crescita del 20% rispetto all’anno precedente. Le grandi aziende trainano il cambiamento, ma ben il 51% delle PMI, lo zoccolo duro dell’economia italiana, si dichiara totalmente disinteressato all’implementazione dello smart working. 

 

Alla fine del febbraio 2020 tutto cambia. Chiudono le scuole, il Governo inizia a varare misure restrittive per contenere la diffusione dei contagi e il ricorso allo smart working, per tutte quelle professioni e quelle attività che lo consentono, diventa non più facoltativo, ma assolutamente necessario, per garantire la sicurezza dei lavoratori e al tempo stesso evitare lo stallo nelle aziende. 

 

L’Italia, paese di grandi imprenditori e creativi, decide che è il momento di cambiare passo e in poche settimane le organizzazioni aziendali si adeguano, rompendo gli schemi, superando ogni remora. Video call, documenti condivisi in Cloud, gestione del personale da remoto, ottimizzazione dei tempi e degli spazi. Tutto è possibile. È il nuovo Miracolo Italiano.

Error n.º 1. Pedir al candidato que vuelva a ingresar la información

Para muchos candidatos en espera o búsqueda activa de trabajo, los portales de empleo son la puerta de entrada a su futura empresa. Les permiten conocer qué empresas están buscando candidatos, los puestos y las condiciones ofrecidas. A menudo, los solicitantes inician el proceso de solicitud enviando su CV en el portal de empleo. A continuación, generalmente son redirigidos a la página web de la compañía. Y es ahí cuando se dan cuenta de que tienen que volver a ingresar toda la información de nuevo, hecho que les cae como un jarro de agua fría.

Los candidatos esperan que el proceso de reclutamiento sea fluido y eficiente. Cuando no lo es, tienden a rendirse antes de llegar hasta el final.

 

LA RAPIDA CORSA ALLO SMART WORKING

Correva l’anno 2020. Dalla Cina si diffonde un virus sconosciuto, il CoVid-19. La prima nazione per numero di contagi diventa in breve tempo l’Italia. Il paese è impreparato sotto molti punti di vista e oltre l’emergenza sanitaria a destare preoccupazione è inevitabilmente il risvolto economico. Con la minaccia di una nuova recessione e la crisi di settori strategici, dal turismo alla ristorazione, dal Made in Italy agli eventi, è necessaria una rapida rivoluzione nei processi lavorativi fino ad allora rimasta in pectore. 

Il dibattito sul lavoro agile, infatti, è sul tavolo della politica e dell’economia da anni, ma i risultati poco incisivi e la mentalità diffidente delle piccole realtà aziendali ne rendono faticosa la diffusione. Non meno grave, una digitalizzazione delle imprese zoppicante, tanto nel pubblico quanto nel privato. I dati dell’Osservatorio della School of Management del Politecnico di Milano nel 2019 registrano appena 570 mila lavoratori agili, seppur in crescita del 20% rispetto all’anno precedente. Le grandi aziende trainano il cambiamento, ma ben il 51% delle PMI, lo zoccolo duro dell’economia italiana, si dichiara totalmente disinteressato all’implementazione dello smart working. 

 

Alla fine del febbraio 2020 tutto cambia. Chiudono le scuole, il Governo inizia a varare misure restrittive per contenere la diffusione dei contagi e il ricorso allo smart working, per tutte quelle professioni e quelle attività che lo consentono, diventa non più facoltativo, ma assolutamente necessario, per garantire la sicurezza dei lavoratori e al tempo stesso evitare lo stallo nelle aziende. 

 

L’Italia, paese di grandi imprenditori e creativi, decide che è il momento di cambiare passo e in poche settimane le organizzazioni aziendali si adeguano, rompendo gli schemi, superando ogni remora. Video call, documenti condivisi in Cloud, gestione del personale da remoto, ottimizzazione dei tempi e degli spazi. Tutto è possibile. È il nuovo Miracolo Italiano.

Error n.º 2. Obligar al candidato a crear un espacio personal

¿Pides a los candidatos que creen un espacio personal para postularse a tus vacantes? Pregúntate si es realmente necesario, ya que este paso preliminar puede desanimar a más de uno.

En el siguiente ejemplo, el candidato debe crear un espacio antes de poder continuar. El candidato desconoce la información que se le pedirá posteriormente. Y, por lo tanto, puede suponer que el proceso será igual de laborioso como este primer paso. Crear un espacio supone, pues, una barrera que aumenta la probabilidad de que el candidato no complete el proceso de solicitud de empleo.

 

Pedir al candidato crear un espacio personal puede disuadir al candidato.

 

LA RAPIDA CORSA ALLO SMART WORKING

Correva l’anno 2020. Dalla Cina si diffonde un virus sconosciuto, il CoVid-19. La prima nazione per numero di contagi diventa in breve tempo l’Italia. Il paese è impreparato sotto molti punti di vista e oltre l’emergenza sanitaria a destare preoccupazione è inevitabilmente il risvolto economico. Con la minaccia di una nuova recessione e la crisi di settori strategici, dal turismo alla ristorazione, dal Made in Italy agli eventi, è necessaria una rapida rivoluzione nei processi lavorativi fino ad allora rimasta in pectore. 

Il dibattito sul lavoro agile, infatti, è sul tavolo della politica e dell’economia da anni, ma i risultati poco incisivi e la mentalità diffidente delle piccole realtà aziendali ne rendono faticosa la diffusione. Non meno grave, una digitalizzazione delle imprese zoppicante, tanto nel pubblico quanto nel privato. I dati dell’Osservatorio della School of Management del Politecnico di Milano nel 2019 registrano appena 570 mila lavoratori agili, seppur in crescita del 20% rispetto all’anno precedente. Le grandi aziende trainano il cambiamento, ma ben il 51% delle PMI, lo zoccolo duro dell’economia italiana, si dichiara totalmente disinteressato all’implementazione dello smart working. 

 

Alla fine del febbraio 2020 tutto cambia. Chiudono le scuole, il Governo inizia a varare misure restrittive per contenere la diffusione dei contagi e il ricorso allo smart working, per tutte quelle professioni e quelle attività che lo consentono, diventa non più facoltativo, ma assolutamente necessario, per garantire la sicurezza dei lavoratori e al tempo stesso evitare lo stallo nelle aziende. 

 

L’Italia, paese di grandi imprenditori e creativi, decide che è il momento di cambiare passo e in poche settimane le organizzazioni aziendali si adeguano, rompendo gli schemi, superando ogni remora. Video call, documenti condivisi in Cloud, gestione del personale da remoto, ottimizzazione dei tempi e degli spazi. Tutto è possibile. È il nuovo Miracolo Italiano.

Error n.° 3. No adaptar tu proceso de selección a dispositivos móviles

Según un estudio reciente, más de la mitad de los candidatos (54%) han solicitado una oferta de trabajo desde su teléfono móvil.

Este canal está creciendo rápidamente, especialmente entre los Millennials, muchos de los cuales son mobile only. Por lo tanto, tu formulario de solicitud de empleo debe ser responsive (es decir, adaptado a todo tipo de tamaños de pantalla). Por ejemplo, no es apropiado pedirle al candidato que cargue su CV y​​/o carta de presentación desde su móvil. Piensa en un proceso de postulación simplificado que facilite a los candidatos la inscripción con su smartphone, por ejemplo, a través de la interconexión con una red social profesional.

 

¡Difícil subir un CV desde el móvil!

 

LA RAPIDA CORSA ALLO SMART WORKING

Correva l’anno 2020. Dalla Cina si diffonde un virus sconosciuto, il CoVid-19. La prima nazione per numero di contagi diventa in breve tempo l’Italia. Il paese è impreparato sotto molti punti di vista e oltre l’emergenza sanitaria a destare preoccupazione è inevitabilmente il risvolto economico. Con la minaccia di una nuova recessione e la crisi di settori strategici, dal turismo alla ristorazione, dal Made in Italy agli eventi, è necessaria una rapida rivoluzione nei processi lavorativi fino ad allora rimasta in pectore. 

Il dibattito sul lavoro agile, infatti, è sul tavolo della politica e dell’economia da anni, ma i risultati poco incisivi e la mentalità diffidente delle piccole realtà aziendali ne rendono faticosa la diffusione. Non meno grave, una digitalizzazione delle imprese zoppicante, tanto nel pubblico quanto nel privato. I dati dell’Osservatorio della School of Management del Politecnico di Milano nel 2019 registrano appena 570 mila lavoratori agili, seppur in crescita del 20% rispetto all’anno precedente. Le grandi aziende trainano il cambiamento, ma ben il 51% delle PMI, lo zoccolo duro dell’economia italiana, si dichiara totalmente disinteressato all’implementazione dello smart working. 

 

Alla fine del febbraio 2020 tutto cambia. Chiudono le scuole, il Governo inizia a varare misure restrittive per contenere la diffusione dei contagi e il ricorso allo smart working, per tutte quelle professioni e quelle attività che lo consentono, diventa non più facoltativo, ma assolutamente necessario, per garantire la sicurezza dei lavoratori e al tempo stesso evitare lo stallo nelle aziende. 

 

L’Italia, paese di grandi imprenditori e creativi, decide che è il momento di cambiare passo e in poche settimane le organizzazioni aziendali si adeguano, rompendo gli schemi, superando ogni remora. Video call, documenti condivisi in Cloud, gestione del personale da remoto, ottimizzazione dei tempi e degli spazi. Tutto è possibile. È il nuovo Miracolo Italiano.

Error n.° 4. Pedir demasiada información

¿Qué tipo de información estás pidiendo a los candidatos? ¿Es sólo información básica o es una lista larga de cosas? ¿Realmente necesitas toda esa información en este punto del proceso de selección?

Una lista larga de preguntas te permite filtrar perfiles de manera eficiente, pero puede resultar excluyente para los candidatos. El candidato percibirá el proceso como tedioso. Recuerda que un candidato a menudo solicita más de un trabajo al mismo tiempo. Así pues, intenta limitar la cantidad de información solicitada a lo estrictamente necesario para que tu proceso de selección sea más atractivo.

 

Cuanta más información le pidas al candidato, más probabilidades hay de perderlo.

 

LA RAPIDA CORSA ALLO SMART WORKING

Correva l’anno 2020. Dalla Cina si diffonde un virus sconosciuto, il CoVid-19. La prima nazione per numero di contagi diventa in breve tempo l’Italia. Il paese è impreparato sotto molti punti di vista e oltre l’emergenza sanitaria a destare preoccupazione è inevitabilmente il risvolto economico. Con la minaccia di una nuova recessione e la crisi di settori strategici, dal turismo alla ristorazione, dal Made in Italy agli eventi, è necessaria una rapida rivoluzione nei processi lavorativi fino ad allora rimasta in pectore. 

Il dibattito sul lavoro agile, infatti, è sul tavolo della politica e dell’economia da anni, ma i risultati poco incisivi e la mentalità diffidente delle piccole realtà aziendali ne rendono faticosa la diffusione. Non meno grave, una digitalizzazione delle imprese zoppicante, tanto nel pubblico quanto nel privato. I dati dell’Osservatorio della School of Management del Politecnico di Milano nel 2019 registrano appena 570 mila lavoratori agili, seppur in crescita del 20% rispetto all’anno precedente. Le grandi aziende trainano il cambiamento, ma ben il 51% delle PMI, lo zoccolo duro dell’economia italiana, si dichiara totalmente disinteressato all’implementazione dello smart working. 

 

Alla fine del febbraio 2020 tutto cambia. Chiudono le scuole, il Governo inizia a varare misure restrittive per contenere la diffusione dei contagi e il ricorso allo smart working, per tutte quelle professioni e quelle attività che lo consentono, diventa non più facoltativo, ma assolutamente necessario, per garantire la sicurezza dei lavoratori e al tempo stesso evitare lo stallo nelle aziende. 

 

L’Italia, paese di grandi imprenditori e creativi, decide che è il momento di cambiare passo e in poche settimane le organizzazioni aziendali si adeguano, rompendo gli schemi, superando ogni remora. Video call, documenti condivisi in Cloud, gestione del personale da remoto, ottimizzazione dei tempi e degli spazi. Tutto è possibile. È il nuovo Miracolo Italiano.

Error n.° 5. Instrucciones poco claras

El candidato debe comprender de un sólo vistazo el procedimiento para solicitar un puesto de trabajo. Para ello, asegúrate de tener un botón de llamada a la acción claro. Si el proceso de solicitud no está claro, el candidato se verá tentado a darse por vencido.

Según un estudio publicado por IBM en 2016, el 62% de los usuarios abandonan un sitio web si tienen dificultades para navegar. Considera realizar pruebas de usuario para verificar que tu proceso de solicitud es simple e intuitivo. Además, evita mezclar idiomas como en el siguiente ejemplo. ¡Solo crearás confusión!

 

¡Difícil subir un CV desde el móvil!

 

LA RAPIDA CORSA ALLO SMART WORKING

Correva l’anno 2020. Dalla Cina si diffonde un virus sconosciuto, il CoVid-19. La prima nazione per numero di contagi diventa in breve tempo l’Italia. Il paese è impreparato sotto molti punti di vista e oltre l’emergenza sanitaria a destare preoccupazione è inevitabilmente il risvolto economico. Con la minaccia di una nuova recessione e la crisi di settori strategici, dal turismo alla ristorazione, dal Made in Italy agli eventi, è necessaria una rapida rivoluzione nei processi lavorativi fino ad allora rimasta in pectore. 

Il dibattito sul lavoro agile, infatti, è sul tavolo della politica e dell’economia da anni, ma i risultati poco incisivi e la mentalità diffidente delle piccole realtà aziendali ne rendono faticosa la diffusione. Non meno grave, una digitalizzazione delle imprese zoppicante, tanto nel pubblico quanto nel privato. I dati dell’Osservatorio della School of Management del Politecnico di Milano nel 2019 registrano appena 570 mila lavoratori agili, seppur in crescita del 20% rispetto all’anno precedente. Le grandi aziende trainano il cambiamento, ma ben il 51% delle PMI, lo zoccolo duro dell’economia italiana, si dichiara totalmente disinteressato all’implementazione dello smart working. 

 

Alla fine del febbraio 2020 tutto cambia. Chiudono le scuole, il Governo inizia a varare misure restrittive per contenere la diffusione dei contagi e il ricorso allo smart working, per tutte quelle professioni e quelle attività che lo consentono, diventa non più facoltativo, ma assolutamente necessario, per garantire la sicurezza dei lavoratori e al tempo stesso evitare lo stallo nelle aziende. 

 

L’Italia, paese di grandi imprenditori e creativi, decide che è il momento di cambiare passo e in poche settimane le organizzazioni aziendali si adeguano, rompendo gli schemi, superando ogni remora. Video call, documenti condivisi in Cloud, gestione del personale da remoto, ottimizzazione dei tempi e degli spazi. Tutto è possibile. È il nuovo Miracolo Italiano.

Dificultad n.° 6. Llevar al candidato de un sitio web a otro

Otro error frecuente es llevar al candidato de un sitio web a otro; por ejemplo: del sitio de una filial al sitio del grupo. Mientras el candidato estaba en el formulario para un trabajo específico, al hacer clic en "inscribirse", se encuentra de repente en la página de empleo del sitio web del Grupo. Luego debe encontrar la oferta de trabajo entre las otras que hay. ¡Desalienta hasta a los más perseverantes!

El ATS que has configurado te permite administrar más fácilmente tus aplicaciones. Pero, ¿te has puesto en la piel del candidato? Un proceso largo, repetitivo y frustrante reduce la cantidad de solicitudes recibidas.

Para evitar perder candidatos en el camino, asegúrate de tener implementado un proceso de solicitud de empleo nuevo, rápido y fácil de usar.

Al optar por una plataforma de reclutamiento integrada como la que brindamos, te asegurarás de optimizar la experiencia del candidato y maximizar la conversión. Ofrecemos un curso adaptado al perfil del candidato en cada etapa del proceso, desde la preselección hasta la evaluación.

No dudes en contactar con nosotros para más información, ¡estaremos encantados de atender tus necesidades! ☎️